2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

2.11.17

Last Flag Flying (id., 2017)
di Richard Linklater

FESTA DEL CINEMA DI ROMA
SELEZIONE UFFICIALE
Last Flag Flying è Stand By Me tra adulti.
Un film fondato sulla recitazione molto più dei precedenti di Richard Linklater, in cui i suoi consueti dialoghi disimpegnati accompagnano un viaggio teso a prelevare una bara dall’esercito e riconsegnarla alla Terra di casa, che poi è anche un modo per strappare la morte del figlio di uno dei tre ex commilitoni coinvolti alla definizione di “eroe” (lo vogliono seppellire ad Arlington in pompa magna) per restituirlo alla verità (non è morto da eroe come dice l’esercito ma in una stupida azione come racconta il suo compagno).

Tre amici che non si vedono da 40 anni e che erano tali sotto le armi, vengono ricongiunti da quello dei tre con il figlio appena morto che chiede aiuto per quest’operazione. Qui c’è tutta la convenzionalità di questo film: tre caratteri usuali per il cinema (il tranquillo, il timorato di Dio, il casinista), messi insieme in un’operazione che solo agli americani può sembrare sovversiva e ribelle, non seppellire il ragazzo in uniforme ma in abiti civili (ed è bellissimo come, pur non vedendo mai la salma, la loro determinazione fa sì che nella nostra testa quel cadavere nel viaggiare si spogli della divisa). Il viaggio dei tre, come in Stand By Me, è il collante e l’essenza della storia ma la recitazione qui fa tutta la differenza del mondo.

Talmente bene Steve Carrell, Laurence Fishburne e Bryan Cranston sembrano aver preparato ed eseguito le scene di questo film per raggiungere in tre uno zenith emotivo rarissimo, una sincerità nelle interazioni più abusate sullo schermo, quelle tra amici che si divertono, tali da far sembrare che queste siano le prime volte che scene simili sono mai state filmate. C’è addirittura un momento in cui i tre un po’ brilli rievocano ridendo vecchie storie di bordelli, in cui la comunione e l’affiatamento sono tali che sembra che il film sia un barattolo in cui il regista mette la mano divertito dal rumore che il ravanare in esso provoca. Invece che proporre tre amici Last Flag Flying ricostruisce la loro amicizia, facendoli agire e reagire, fino a creare un’unione maturata, solida come i rapporti reali invece che straordinaria come quelli di finzione.
In maniera non diversa da quel che avviene nella trilogia dell'alba (Prima Dell'Alba, Prima del Tramonto, Before Midnight) anche qui attraverso i dialoghi avviene qualcosa davanti ai nostri occhi, si schiude una nuova consapevolezza, matura un sentimento, cambiano delle vite, ed è come se potessimo vederlo accadere al rallentatore.

Certo Last Flag Flying è anche un film ambientato nel 2003, in cui benché non se ne parli mai apertamente si gira intorno all’idea della retorica militare e governativa, uno su tre uomini che combattono la definizione che il governo e quindi i media danno dei morti in Iraq, tutti “eroi” per non ammettere che sono morti inutili. Ma è così incredibilmente complicato nella sua apparente semplicità che riesce a fare distinzione tra amore per il corpo dei marine e patriottismo, riesce a creare addirittura il classico antagonista antipatico, un colonnello bastardo che urla, esagera e vuole a tutti i costi che il ragazzo sia seppellito in uniforme in barba al desiderio di suo padre, solo per il gusto, con un colpo di coda finale commovente (l’unico momento di vera sceneggiatura in un film di recitazione), di dargli ragione e spiazzare lo spettatore.
Sappiamo benissimo che Richard Linklater è uno dei cineasti più acuti, sensibili e lontani dai difetti del cinema americano. Ora ha dimostrato di saper adattare il suo stile anche avvicinandosi al classico hollywoodiano.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.