2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

24.11.17

American Assassin (id., 2017)
di Michael Cuesta

Ah! Maledetti terroristi!!
Una tranquilla spiaggia spagnola si trasforma in una carneficina nella scena iniziale di American Assassin, proprio pochi attimi dopo che Mitch Rapp ha chiesto alla sua ragazza di sposarlo. Sventagliate di mitra non ben motivate (ma in questi anni non è più necessario che un attacco terroristico sia motivato per essere credibile) spazzano via i bagnanti, feriscono Mitch e uccidono la sua (da poco) promessa sposa. Non lo sa ancora nessuno, nemmeno il diretto interessato, ma il pubblico ha già intuito che in questo momento è nato un action hero.
Mitch infatti non si riprenderà più, giurerà vendetta al nemico, si allenerà da solo per sconfiggerlo, sarà notato dalla CIA per il suo comportamento violento e sospetto e infine prelevato per essere addestrato davvero.

Dunque a questo punto, finalmente, dopo poco meno di mezz’ora dall’inizio del film, entra in scena Micheal Keaton, il volto intorno al quale questo film ha senso. Non è infatti di certo Dylan O’Brien a poter portare avanti la parte la baracca. Il suo ragazzo normale che per il dolore della perdita diventa un supersoldato iperaddestrato, e così determinato da avere come ambizione quella di sgominare un’intera cellula terroristica (localizzata a Roma come vediamo nel lungo finale ambientato in Italia), è fuori da ogni credibilità, non solo per come è costruito il personaggio, ma soprattutto per come è interpretato.
Avremmo potuto credere che un Jason Statham con parrucca (prima) e cranio rasato (dopo) avrebbe potuto sviluppare il veleno e le abilità necessarie, perché Statham è un corpo e un attore affine al genere, esagerato e in grado di muoversi in un modo che legittima queste trame, anima da genere, mascella e occhi da vendetta. Dylan O’Brien no.

Per lo stesso motivo il volto rugoso e il grugno malefico di Micheal Keaton calzano così bene il suo istruttore della CIA violentissimo e cinico. Keaton ha il carisma giusto per dare plausibilità filmica al personaggio, per essere coerente con la storia, il contesto e la violenza esibita (non poca) di American Assassin, per non dire con il suo titolo! Nonostante il film sia scritto da una squadra di produttori/sceneggiatori con in curriculum ben poco di cui vantarsi (giusto Stephen Schiff ha un minimo di credibilità), lo stesso questo istruttore come molti altri, dotato di con un passato duro (ma va’?!) e un codice di sofferenza e individualismo (“Se rimanete indietro o venite catturati uccidetevi, nessuno verrà a salvarvi” riuscirà a mantenere il proposito fino alla fine??), è il solo elemento sensato del film, credibile anche quando resiste alle peggiori torture.

Tratto dai libri di Vince Flynn, American Assassin sarebbe la origin story dell’agente Rapp, dotato di almeno altre 16 avventure già edite su carta che attendono in fila l’esito al boxoffice (per nulla lusinghiero a dire il vero) per diventare sceneggiature. Micheal Cuesta ne ha fatto una specie di Jason Bourne, cioè ha replicato quel modo di mettere in scena l’action spionistico fondato da Paul Greengrass, mentre parte del suo team di sceneggiatori ha flirtato con Jack Reacher. Non sorprende nessuno che, aggiunto un protagonista scialbo, il risultato accontenti poco gli appassionati del genere e scontenti gli spettatori occasionali.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.