2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

7.11.17

Beyond The Sun (id., 2017)
di Graciela Rodriguez Gilio

FESTA DEL CINEMA DI ROMA
ALICE NELLA CITTA'
In un mondo di biscotti infornati e giornate di sole in cui bambini che hanno appeso in camera un poster di Papa Francesco non vedono l’ora di fare la comunione, alcuni di loro decideranno di andare a cercare Gesù spronati dalle parole dal parroco e, ad un certo punto, anche dallo stesso Papa che parla ad uno di loro dal poster, animandosi come fosse una rockstar in un film per ragazzi anni ‘80. È con questo spunto, che pare appropriatissimo vista la maniera in cui Papa Francesco ha improntato il proprio pontificato, che parte Beyond The Sun, il primo film di finzione nella storia del cinema a vantare la partecipazione di un Papa. Questa avviene in un finale slegato dalla trama, con un discorso di 5 minuti circa. In più una porzione di quella stessa ripresa viene tagliata e usata per la scena del poster animato, l’unico slancio di soluzione cinematografica del film.

Ovviamente è un prodotto da tv via cavo cattolica americana (per quanto realizzato in Argentina è parlato in inglese) o da domenica mattina su Rai Uno, un film interessato unicamente al proprio messaggio e che intorno ad esso svolge la sua storia molto semplice, il viaggio verso un eremo in cui questi bambini si confronteranno con incontri degni di parabole evangeliche. Ogni svolta di trama, ogni evento della storia è funzionale non alla narrazione ma alla messa in scena di un messaggio. La comunicazione cattolica che non sembra cambiata poi tanto rispetto al Vangelo, storie che insegnino in cui ogni dettaglio è soggetto alla veicolazione del messaggio.

Tra pastori, greggi di agnelli, pecorelle smarrite da ritrovare in un rovo e un onnipresente uccello bianco in computer grafica (si direbbe una colomba ma non è chiarissimo) che veglia sui bambini, Beyond The Sun ha una simbologia di riferimento cristallina e nonostante non sembri realizzato da persone di cinema (e forse è così, i due registi accreditati non hanno alcuna esperienza di regia precedente) è talmente centrato, è talmente riuscito nell’essere quel che vuole essere, che tutte le approssimazioni di linguaggio cinematografico di cui pure è pieno, tutte le sciatte leggerezze di montaggio e l’assurda recitazione, non lo fanno sconfinare mai nel trash. Per quanto non si possa certo dire che scorra liscio o che sia una visione piacevole, Beyond The Sun è evidentemente ciò che desidera essere: un’opera tutta tesa nel raggiungimento di un messaggio.

Quello che stupisce in questo film che se non fosse per la partecipazione del Papa non si discosterebbe molto dalla media delle produzioni cattoliche per la tv (dettaglio probabilmente intenzionale) è allora come tenti di rappresentare con i bambini tutte le tipologie umane e le funzioni della società, da quella scientifica (inserita nel credo), a quella più violenta da domare, a quella sentimentale, relazionale fino alla stoccata al pubblico cinese. Tutte ricondotte nel grande alveo della religione, tutte comprese, tutte diverse ma a partire da valori e un credo comune. Anche forzatamente. Una sorta di mondialismo che si concretizza davvero nell’ultima scena, quella che, slegatissima dal resto della trama, vede i bambini al cospetto del Papa, uno a fianco dell’altro in una rassegna di possibili uditori del messaggio spirituale finale su come trovare Gesù.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.