2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

25.10.17

Nemesi (The assignment, 2016)
di Walter Hill

Una volta un film dalla trama che sembra uscita dalla testa di Pedro Almodovar, ma realizzato con il tono e la mano di Walter Hill, non sarebbe stato nemmeno immaginabile. Ora non solo è plausibile ma possiamo anche guardarlo.
Nemesi (adattamento poco chiaro dall’altrettanto brutto The Assignment, ammorbidito dall’originale pessimo (Re)Assignment) è un film che sembra incrociare l’orrore del dr. Monroe con La Pelle Che Abito in un mondo di vendette, sparatorie e necessità di mantenere una reputazione da killer a pagamento, tipici di Walter Hill.

Per quanto Michelle Rodriguez interpreti senza alcuna apparente consapevolezza un uomo che viene chirurgicamente trasformato in una donna a sua insaputa e che, svegliatosi femmina a tutti gli effetti, decida di andare a vendicarsi di chi l’ha conciato così, senza rinunciare a scappatelle con la sua ragazza di “prima”, Nemesi cerca lo stesso di fare il miglior uso della propria protagonista (sulla carta molto più adeguata che nella pratica). Il film ha purtroppo una maniera molto goffa e produttivamente minima di affrontare un tema che tuttavia in altre mani sarebbe potuto sfociare in una specie di Jail Bail di Ed Wood.

Insomma vedendo Nemesi si ha per tutto il tempo la sensazione di essere di fronte ad un film potenzialmente terribile, tenuto in piedi dal tono di Walter Hill, da quella maniera asciutta e poco sensazionalista di mettere l’uno contro l’altro esseri umani pericolosi.
Nonostante infatti una barba posticcia e i lineamenti mal induriti che inizialmente propongono Michelle Rodriguez come un uomo (ma la riconosciamo e già intuiamo cosa accadrà), lo stesso Hill riesce a dirigerla in modo da creare uno dei suoi eroi duri, in cui le pochissime parole pronunciate fanno il paio con decisioni imprescindibili e una certa determinazione a parlare con i fatti.

È per fortuna ancora una volta un cinema di eventi e prese di posizione, in cui non c’è speranza per chi cerca la tranquillità sentimentale ma è pieno di occasioni per una vendetta spietata. Forse proprio per questo è così difficile accettare che, dopo aver tenuto duro per tutta la sua durata, il film muoia all’atto di entrare nel territorio d’elezione di Walter Hill. È evidente che Nemesi faccia il lavoro minimo sulla messa in scena, non sia propriamente un film curato e deponga le armi di fronte all’esigenza di una certa sfumatura nel suo villain (il chirurgo matto e geniale di Sigourney Weaver, che per dimostrarsi tale cita Shakespeare e Poe prima di scoppiare in deliri di rabbia), ma che in un film di Walter Hill ci sia una rincorsa verso la vendetta così moscia e priva di quel senso di orrore e limite della propria vita che dovrebbe caratterizzare le cacce del cinema più rigoroso, quello è davvero imperdonabile.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.